.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


La RAI annuncia la seconda serie in onda da oggi sul primo canale

Il giovane Montalbano

Sei puntate tutti i lunedì


di Giulia Meucci


Roma. La Rai ha annunciato alla stampa la seconda stagione del prequel della serie televisiva di Montalbano intitolata "Il Giovane Montalbano" prodotta da Palomar e Rai Fiction, in onda da lunedi 14 settembre in prima visione su Rai Uno in prima serata. La decisione di girare una serie antecedente a quella già nota è nata dal voler approfondire alcuni aspetti della vita del commissario siciliano Salvo Montalbano, come ad esempio, la nascita della relazione a distanza con la sua fidanzata Livia, i primi ricordi della madre e il rapporto turbolento con il padre.
Il Giovane Montalbano è strutturato in 6 episodi autoconclusivi ed è ambientato negli anni 90 a Vigara, un piccolo paesino della Sicilia rappresentato con colori vivi e vivaci nonostante l'arretratezza e povertà che l'affligge.
Buona la regia curata nei minimi particolari da Gian Maria Tavarelli mentre la sceneggiatura è opera del regista Francesco Bruni e il padre dei romanzi di Montalbano, Andrea Camilleri, insieme a una squadra di appassionati sceneggiatori. La struttura della storia è ben consolidata e a differenza della serie precedente, qui si trova una linea narrativa orizzontale che da' spazio alle varie relazioni dei personaggi.



Per focalizzarsi maggiormente sul personaggio, il regista gioca con una fotografia basata sul chiaroscuro che evidenzia il soggetto in primo piano, mettendolo in risalto e oscurando il contesto. Nel lavoro di sceneggiato troviamo una serialità d'autore notevole non solo sulla qualità della scrittura ma anche sull'interpretazione degli attori professionisti pur non essendo celebrità. Michele Riondino riesce a interpretare egregiamente il ruolo del commissario Montalbano, in tutte le sue sfumature mantenendo insieme toni e registri diversi.
I personaggi che ruotano intorno a Montalbano sono di varia natura, alcuni seri e loschi, altri divertenti come "Catarella" (Fabrizio Pizzuto) un carabiniere d'animo dolce ma goffo nei modi, tant'è che per evidenziare il secondo aspetto si ricorre allo slapstick comedy.
A differenza dei polizieschi gialli americani nell'opera di Bruni non troviamo grandi suspense e colpi di scena, l'episodio in un primo momento sembra non comunicare nulla ma in realtà è caratterizzato da una toccante sensibilità in grado di raccontare tutto.
Dopo il notevole successo internazionale del "Il Commissario Montalbano", anche questa serie sarà venduta in Europa, America e Giappone. Riguardo ai risultati e le aspettative il produttore Max Giusberti dichiara: "Il prodotto è finito. Ora c'è quella terribile sospensione per un produttore fino alla messa in onda per cui... statemi vicino!".


Clicca "MI PIACE" su Facebook
Se ti è piacuto l'articolo, fallo sapere all'autore: clicca "Mi PIACE" e aggiungi i tuoi commenti sulla pagina Facebook di Cinebazar.

Vai alla pagina di Cinebazar su Facebook



(Lunedì 14 Settembre 2015)


Home Recensioni      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro