.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Insuperabile intepretazione di Jamie Foxx

Ray, ritratto di una leggenda

Il capolavoro di Taylor Hackford


di Oriana Maerini


Nella smisurata offerta di film biografici che ci viene proposta in questo periodo, per chi scrive il migliore è sicuramente Ray proposto dalla Universal Pictures.
La pellicola ripercorre la vita di Ray Charles come una storia di alti e bassi personali sullo sfondo di una lunga carriera musicale costellata di successi.
Ci presenta le varie vicende personali come la sofferenza, la cecità, la schiavitù della droga intrecciate con la sua genialità artistica. Come nella sua musica una miriade di stili diversi – jazz, rhythm & blues, rock and roll, gospel, country & western si sono fusi in un’unica arte, così nella sua vita un insieme di esperienze lo ha portato alla maturazione finale.
Non era facile portare sullo schermo la storia inedita e drammatica della vita di una leggenda della musica americana. Ma, dopo quindici anni di lavoro, portato avanti insieme dal regista Taylor Hackford (L’avvocato del diavolo, L’ultima eclissi, Ufficiale e gentiluomo) – e dall’attore Jamie Foxx, il risultato è esaltante.


Jamie Foxx interpreta Ray Charles


Ne è uscito un ritratto senza ombre di un artista che è riuscito a trasformare il buio in cui viveva in una luce abbagliante. Non è retorico dire che la storia di Ray è la storia del sogno americano, dell’uomo che diventa artefice del proprio destino. Quella di un povero bambino cieco, nato nel Sud razzista, che ha saputo abbattere barriere sociali e artistiche e ha cambiato la storia della musica.
Il film ripercorre la vita di Charles partendo dalla sua difficile infanzia (segnata in modo indelebile dalla morte del fratello) e dalle prime lotte per essere trattato in maniera equa e per farsi strada da solo, alla scoperta da parte dell’Atlantic Records e alla successiva ascesa fino alla fama mondiale, dalla lotta contro la droga alle sue appassionate storie sentimentali. La vita privata di questo genio appare avvincente nella sua tragicità quanto la sua folgorante carriera.
Hackford è stato spinto a dirigere non solo per l’amore che ha sempre nutrito per la musica di Ray Charles ma anche dall’aver scoperto la storia difficile che stava dietro al successo del musicista. Nel suo lungo lavoro di ricostruzione del puzzle della vita di Ray il regista è stato aiutato dal figlio di Charles, Ray Charles Robinson Jr., che è diventato uno dei coproduttori del film.
La regia è sapiente (bellissime le scene di flash back dell’infanzia), ottima è la colonna sonora. Ma la carta vincente di questo film è senza dubbio la scelta di Jamie Foxx per il ruolo di Ray. Si resta sorpresi per il livello di spontaneità e di naturalezza della sua interpretazione. Foxx non resce solo ad imitare Charles ma piuttosto cattura parte del suo spirito. L’attore lavora sui dettagli: la musicalità, il calore, il senso dell’equilibrio, la postura che tutti insieme hanno contribuito alla ricostruzione della fisicità del personaggi.

Ray Charles: il regista Hackford con il doppiatore Pino Insegno


Il successo di questa biografia filmata è stato suggellato, del resto, da Ray Charles stesso che, pochi mesi prima della scomparsa, dichiarò: “Taylor ha fatto un buon lavoro; ha raccontato in maniera precisa la mia vita. Vorrei che la gente capisse le sofferenze che ho patito, da quando ero bambino fino al momento in cui mi sono affermato professionalmente e tutto quello che mi è accaduto nel corso degli anni…”.
Un plauso ulteriore va al doppiatore italiano di Jamie Foxx: Pino Insegno ha reso la strascicata parlata dei neri del sud un una maniera che ha del fantastico.

Giudizio: * * * *




Sconvolgente somiglianza
Jamie Foxx
Nei panni di Ray Charles

In occasione del film "Ray"
Ray Charles
L'uomo che rappresenta la musica nera del '900
Ray Charles è per la musica del ‘900 quello che è stato Pablo Picasso per l’arte figurativa: una persona di grandi capacità, che innova tutto e non si ferma a nessuna tecnica.

L'ultima intervista romana
Ray l'intramontabile
In occasione dell'uscita di "Ray"
Ray Charles incontrato da Roberto Leggio
al castello della Crescenza



(Venerdì 21 Gennaio 2005)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro