.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Abel Ferrara intasca il bottino e si rende irreperibile

Prendi i soldi e scappa

Non è il film di Woody Allen, ma una triste vicenda reale


di red.


Sembra il copione di un film su una truffa. Di quelli in cui il protagonista prende i soldi e scappa ma è tutto vero. La denuncia arriva dalla casa di produzione Istituto Luce.
Il famoso regista Abel Ferrara ha intascato la non indifferente somma di 125mila euro per realizzare un film, e poi si è reso irreperibile.

Ecco il resoconto della vicenda:
Il 7 gennaio l’ufficiale giudiziario ha bussato alla porta dell’abitazione romana di Abel Ferrara in via delle Mantellate.
L’Istituto Luce unitamente alla co-produttrice GAM FILM ha citato a giudizio davanti al tribunale di Roma il famoso regista italo-americano Abel Ferrara, autore di “Fratelli” e de “Il Cattivo Tenente” per inadempienze contrattuali circa la realizzazione del film “Go Go Tales” con l’attore Robert Carlyle, protagonista di pellicole di successo come “Trainspotting” e “Full Monty”.
Nell’atto di citazione scritto, per conto dell’Istituto Luce e della co-produttrice GAM FILM, dall’Avvocato Nicola Rocchetti, si spiega che dopo il 20 ottobre dello scorso anno Abel Ferrara, che aveva firmato una serie di accordi, tra cui quello di curare la regia del film “Go Go Tales” il cui inizio delle riprese era stato stabilito “in un periodo compreso tra il 13 dicembre 2004 e il 10 gennaio 2005, si sottraeva all’improvviso a qualsiasi possibilità di contatto.”
Ora l’Istituto Luce reclama i suoi soldi con una richiesta di risarcimento milionaria perché “comportamenti assunti dal regista dopo il 20 ottobre configurano un enorme e brutale inadempimento ai contratti sottoscritti il 2 aprile 2004. Gli stessi comportamenti, valutati alla luce dell’avvenuto ricevimento da parte di Abel Ferrara della non indifferente somma di 125mila euro lordi in esecuzione dei contratti, sembrano configurare anche un fatto di rilevanza penale”.



(Lunedì 10 Gennaio 2005)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro