.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Favola natalizia per bambini increduli

Polar Express

Un film di Robert Zemeckis


di Oriana Maerini


Quest’anno la Warner Bross ci regala un film natalizio diverso: una favola di natale per bambini increduli. Polar Express è una bellissima avventura tratta dal libro di Chris Van Allsburg, uno dei più famosi autori di letteratura infantile. Narra di un ragazzo pieno di dubbi sulla reale esistenza di Babbo Natale che intraprende uno straordinario viaggio verso il Polo Nord e inizia, così, un percorso alla scoperta di sé, che gli fa capire come la meraviglia della vita non svanisce mai per chi crede. Una volta sul treno, il ragazzo incontra altri bambini, ognuno con il proprio passato e lezioni da imparare.

Per certi versi questa storia è molto simile al “Mago di Oz” perché ogni bambino a bordo del treno ha intrapreso un proprio percorso e deve ritrovare ciò che ha perduto. C’è una ragazza che ha tutto, talento, spirito e intelligenza per diventare una leader, ma non ha fiducia in sé, un altro personaggio invece è privo di umiltà, mentre Lonely Boy, che è cresciuto senza amore, deve riuscire ad aver fiducia negli altri. Questi temi personali e interiori si intrecciano poi con il fantastico spettacolo del viaggio in treno verso il Polo Nord”. Per realizzare questo ambizioso progetto i premi Oscar Tom Hanks e Robert Zemeckis (“Forrest Gump”, “Cast Away”) sono tornati a lavorare insieme.
Il regista si è convinto a girare il film perché suo figlio adorava ogni hanno leggere il racconto ogni anno a Natale, come una tradizione per mio figlio. Il film unisce una storia classica e una cinematografia d’avanguardia presentando, così, una nuova versione della tecnologia motion capture, sviluppata per adeguarsi alla visione di Zemeckis.

Polar express


La Sony Pictures Imageworks, con i supervisori degli effetti visivi Ken Ralston (cinque premi Oscar) e Jerome Chen (candidato nel 2000) è riuscita ha portare sullo schermo questa incantevole storia per bambini tutta in animazione CGI, grazie a un nuovo sistema chiamato Performance Capture.
Questa tecnica innovativa ha permesso di trasferire le performance dal vivo degli attori ai personaggi digitali in un modo mai visto prima, aprendo le porte a una nuova era di libertà e opzioni creative per gli attori e i realizzatori.
“Polar Express” è il primo film ad essere girato interamente in Performance Capture, una forma d’arte che esplora nuovi territori, in grado di offrire immagini mai viste prima.
Curiosità: con questa straordinaria tecnologia Tom Hanks è riuscito ad interpretare cinque ruoli chiave del film: il protagonista, il padre del protagonista, il macchinista, il misterioso hobo e Babbo Natale, i personaggi adulti con cui il bambino interagisce e che esprimono il significato della storia.
Magia letteraria e magia tecnologica unite insieme fanno di questo film natalizio per bambini un piccolo capolavoro da non perdere.

Giudizio: * * *

Polar express


I gadget:
Al caldo i superpoteri?
Lo zuccotto polare
Gadget da supereroi



(Giovedì 2 Dicembre 2004)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro