.


Recensioni Festival Eventi Sipario Home video Ciak si gira Interviste CineGossip Gadget e bazar Archivio
lato sinistro centro

Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra


Wim Wenders

La terra dell'abbondanza

L'occhio dell'Europa puntato sull'America


di Pino Moroni


I luoghi:
Los Angeles, la cittÓ felice degli angeli e degli attori dove tra paranoia e piccola beneficenza vive la pi¨ alta percentuale di poveri d'America.
Trona squallido villaggio del deserto pieno di discariche e di decadenza della natura western.

I personaggi:
due naufraghi della vita. Zio Paul, astuto e stupido veterano di guerra, e sua nipote Lena, profuga missionaria in un viaggio iniziatico. Entrambi alla ricerca di quello che sono, e che potranno essere, gli americani dopo la guerra attuale.

Il regista:
Wim Wenders, l'occhio dell'Europa puntato sull'America, un occhio trapiantato in America con dietro un cervello europeo. La sua grande amicizia con Nicolas Ray e con Michelangelo Antonioni ne sono testimonianza.

Ecco perchŔ si pu˛ percepire meglio che in ogni altro film americano la drammaticitÓ di questo terribile momento americano, la veritÓ sulla paura annichilente di una societÓ che aspetta di riprendersi da uno shock e si rifugia nella incomunicabilitÓ della sua "Death valley " , in un angolo di deserto con croci e roulotte chiamato Trona.

╚ il ritorno al dopoguerra fine anni '40, quando la paura del comunismo partoriva alieni (L'invasione degli ultracorpi) o nazisti con armi batteriologiche (Il lago in pericolo).
Ma Ŕ soprattutto il rovesciamento della storia dell' "amico americano" -dello stesso Wenders- perchŔ qui il buono (la nipote Lena) riesce a far scoprire al cattivo (lo zio Paul) che anche dietro la paura di Bin Laden (nel film un povero pakistano) non c'Ŕ nessun complotto mondiale. Ma che l'angosciante attesa di catastrofe Ŕ solo paranoia da isolamento culturale.


Michelle Williams in ''La terra dell'abbondanza''


Ed ecco, per ritrovare l'equilibrio perduto e scoprire la relativitÓ della storia, nasce il bisogno di affacciarsi su Ground Zero, per capire la vera dimensione del buco della Grande Mela.
E scoprire che ne esce solo un bruco (si permette la licenza biologica), un colibrý sospeso nell'aria come sempre quando una mela matura sta per guastarsi.

Forse Ŕ la giovinezza che se ne va in un continente giovane, e che non viene sostituita da una maturitÓ che pretende intensitÓ di pensiero.
Purtroppo Ŕ il cinema stesso americano che ci fa vedere tanta leggenda (Balla coi lupi, Iliade, King Arthur, Il signore degli anelli) pieni di effetti speciali, di muscoli distesi, e di un infantilismo disarmante.

Per uscire da questa fase forse Ŕ necessario prendere atto dei propri limiti e delle proprie ossessioni, ma l'autore Wenders sembra non andare oltre, in attesa -anche lui che vive in America: sta preparando un film con Francis Ford Coppola- di una svolta.
Che Ŕ quella di una solidarietÓ, che l'egoismo egoistico americano dovrÓ un giorno ritrovare.


John Diehl in ''La terra dell'abbondanza''



Wim Wenders, Nicholas Ray, Francis Ford Coppola
Sodalizi
"Gli amici americani"
Nessun regista ha avuto sodalizi cosý forti come Wim Wenders: in America quelli con Nicolas Ray e con Francis Ford Coppola in Italia con Michelangelo Antonioni.



(Venerdý 15 Ottobre 2004)


Home Archivio      Stampa questa pagina  Invia questa pagina  Zoom: apri la pagina in una nuova finestra

lato destro